• No products in the cart.

PiegoLibri: libri perduti e dove trovarli

Oggi, essere una casa editrice non è esattamente semplice. Oggi, essere qualsiasi attività non è esattamente semplice. I tempi incerti, le tendenze e i gusti del pubblico che cambiano rapidamente, la difficoltà di fare progetti a lungo termine… Niente di nuovo, insomma. Però non è di questo che vogliamo parlarvi.

Quello che vogliamo raccontarvi è la storia di un libro e del suo viaggio verso la perdizione.

In principio, era un buon libro. Nuovo, fresco di stampa e di contenuti, tutto quello che sognava era trovarsi un buon lettore, essere letto d’un fiato, riposare in una libreria comoda ed essere sfogliato di tanto in tanto, prima magari di essere donato a qualche altro buon lettore. Il sogno di qualsiasi libro che si rispetti.

E finalmente arriva il suo momento! Qualcuno ha visto la sua copertina, ha letto la sinossi, o magari ha sentito qualcun altro fare il suo nome: fatto sta che il libro è stato richiesto. Presto, presto, corri a sistemare ogni cosa: trova la busta adatta, mi raccomando, che sia ben imbottita per proteggere il libro, che non sia troppo grande, né troppo piccola; inserisci il segnalibro!, il segnalibro è importante per il libro ed è importante per il lettore; scrivi bene l’indirizzo, non vorrai mica che il libro arrivi nelle mani di qualcun altro?; corri alla posta, veloce, veloce; stai in fila, lento, lento… Eccoci. La nostra preziosa busta imbottita è sul bancone della posta: ora riceverà un’etichetta e sarà pronta a spiccare il volo verso il suo destinatario finale.

Spiccare il volo è una bella immagine. Ma non è quella che più si adatta alla storia del nostro libro. Il nostro libro, ben riposto nella sua morbida busta, viene maneggiato in fretta da mani indaffarate che lo sballottano di qua e di là, accatastandolo insieme ad altri pacchi e buste fino al momento di caricarlo su un furgone.

A questo punto, il libro inizia a essere un po’ confuso. Non ricorda più bene quali fossero le sue intenzioni iniziali, si fa prendere dal panico e non reagisce più. Non esige di essere portato a destinazione né tantomeno di essere trattato con garbo. Nella sua busta oramai stropicciata, si abbandona in mezzo ad altre buste e altri pacchi, nell’oblio di sé, cullato dall’andamento del furgone. Quando, infatti, arriva alla postazione di smistamento, è completamente estraneo a se stesso e a quello che lo circonda. La perdizione è iniziata.

Lì, succede qualcosa. Qualcosa va storto. La busta, aperta per il controllo postale, non viene richiusa. Il libro scivola fuori. Dimentico del suo intento iniziale, decide di restare nel grande capannone di smistamento postale. Trova persino uno scaffale dove sistemarsi: è lo scaffale dei libri perduti. Ma non è uno scaffale. È un’intera parete di scaffali. È un mondo. Il mondo dei libri perduti.

O magari non è così che va. Magari il libro rimane al suo posto e la busta, ancora aperta, raggiunge la città di destinazione. Lì, nelle mani del postino, è pronto per essere consegnato. Il postino però, non è un vero postino. È un libraio mancato. Il libro lo chiama, sta là per lui e per la sua libreria di libri perduti. Una busta vuota sarà più che sufficiente come consegna.

O no, non è così che è andata. La busta ha raggiunto la destinazione – più o meno, in quanto appoggiata distrattamente sulla fila di cassette postali –, è sempre aperta, ma il libro è ancora dentro, stordito dal viaggio. Il vicino, bibliofilo incallito, non sa resistere e, approfittando dal suo smarrimento, se ne appropria. Con o senza busta.

Concludendo, nelle Poste Italiane si legge molto. Ed essere una casa editrice non è esattamente semplice.

Note: non veicolando ancora quantitativi molto alti di vendite, per le spedizioni dei nostri libri utilizziamo il servizio PiegoLibri di Poste Italiane. È un servizio creato apposta per la diffusione dell’arte (si possono spedire anche CD o riviste, trovate tutte le informazioni a questo link), ha un costo accessibile che ci permette di offrire la spedizione gratuita, ha tempi di consegna discreti (purtroppo non sempre realistici) ed è (abbastanza) comodo. Tutto questo se non prende la strada della perdizione. 

Scoprite il nostro catalogo: se trovate un libro che vi interessa ci impegneremo affinché non si perda per strada!

 

Annabelle Lee